Marco Antonucci

Legislazione professionale

Leggi, decreti, circolari della normativa nazionale e comunitaria

di Marco Antonucci - avvocato esperto in diritto amministrativo e comunitario

Anche per il 2016 l'Autorità Nazionale Anticorruzione, con la Delibera 22 dicembre 2015 (in G.U.R.I. 29 febbraio 2016 n. 49), ha individuato le entità e modalità di versamento del contributo a favore dell'Autorità nazionale anticorruzione.

L’art. 1, comma 65, legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria per il 2006) ha introdotto il principio secondo cui le spese di funzionamento di alcune Autorità amministrative, tra cui l’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici (oggi ANAC) per la parte non coperta con finanziamento dello Stato, vengono finanziate dal mercato di competenza, secondo le modalità previste dalla normativa vigente ed entità di contribuzione determinate da ciascuna Autorità con proprie delibere.

Il comma 67, dell’art. 1, della predetta Legge n. 266/05, prevede che l’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici (oggi ANAC), cui è riconosciuta autonomia organizzativa e finanziaria, “determina annualmente l’ammontare delle contribuzioni a essa dovute dai soggetti, pubblici e privati, sottoposti alla sua vigilanza, nonché le relative modalità di riscossione, ivi compreso l’obbligo di versamento del contributo da parte degli operatori economici quale condizione di ammissibilità dell’offerta nell’ambito delle procedure finalizzate alla realizzazione di opere pubbliche”.

La norma relativa al pagamento del contributo all'Autorità di vigilanza ai fini della partecipazione alle gare d'appalto tutela un interesse erariale a contenuto economico-finanziario, connesso alle esigenze di copertura delle spese (generali e di funzionamento) dell’Autorità nazionale anticorruzione, e traduce tale interesse in una nuova imposizione di carattere fiscale a carico delle imprese interessate, mediante la pretesa sostanziale all’ottenimento del pagamento.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), con la Delibera 10 febbraio 2016, n. 115 (in G.U.R.I. 7 marzo 2016 n. 55) recante "modifica al Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell'Autorità mediante abrogazione espressa dell'Allegato 1 “Metodo di calcolo per l'applicazione delle sanzioni ex articolo 73 del decreto del Presidente della Repubblica n. 207/2010” e conseguente riformulazione dell'articolo 44 del citato Regolamento ha apportato modifiche sostanziali alle quantificazioni pecuniarie comminate dall'Autorità medesima.

In precedenza, l'ANAC per quantificare la sanzione pecuniaria utilizzava un allegato a tale regolamento, cd. allegato 1, che utilizzava criteri e punteggi per l'applicazione di un metodo matematico di calcolo della sanzione, con variabili legati a dolo o colpa, a difformità lievi o gravi e ricomprendendo in tale formula circostanze aggravanti o attenuanti.

Nel riformulare il testo dell'art. 44 del Regolamento sanzionatorio, l'ANAC ha abrogato il predetto allegato 1, limitandosi a prevedere che per la quantificazione della sanzioni pecuniarie e interdittive il Consiglio valuta gli elementi oggettivi e soggettivi di gravità delle violazioni commesse e le eventuali circostanze aggravanti e/o attenuanti, elencate a titolo esemplificativo nel medesimo art. 44.

In tal modo sarà possibile una maggiore graduazione della sanzione in relazione al caso specifico, dal momento che un rigoroso utilizzo del meccanismo previsto nell'allegato 1 appariva estremamente oneroso e punitivo, e difficilmente applicabile a casi concreti.

È attualmente in corso, presso la Commissione XIII Ambiente del Senato della Repubblica, l'esame dello schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente regolamento recante disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo (n. 279).

La materia è attualmente disciplinata in maniera parziale da una pluralità di norme, spesso di rango diverso.

Lo schema di decreto disciplina il riutilizzo in situ di terre e rocce da scavo qualificate sottoprodotti e provenienti da cantieri di piccole dimensioni, compresi quelli finalizzati alla costruzione o alla manutenzione di reti e infrastrutture, il deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti, nonché l'utilizzo in situ di terre e rocce escluse dalla disciplina rifiuti e la loro gestione nei siti oggetto di bonifica.

In tal modo si intende agevolare e incrementare il ricorso alla gestione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti, semplificando le procedure, riducendo gli oneri documentali, fissando tempi certi e definiti per l’avvio delle attività di gestione dei materiali, garantendo che la gestione avvenga in condizioni di sicurezza ambientale e sanitaria e rafforzando del sistema dei controlli.

L’obiettivo è inoltre quello di allineare la normativa nazionale a quella europea di settore, passando dal modello di controllo preventivo e basato sul rilascio di autorizzazioni al modello di controllo ex post, basato su meccanismi di autodichiarazione degli operatori economici.

Con l'Ordinanza del MIUR 1 marzo 2016, pubblicata nella GURI 24 marzo 2016 n. 70, sono indetti, nei mesi di giugno e novembre 2016, la prima e la seconda sessione degli esami di Stato 2016 di abilitazione all'esercizio delle professioni di architetto, pianificatore, paesaggista, conservatore e architetto iunior e pianificatore iunior.

Alle predette sessioni possono presentarsi i candidati che hanno conseguito il titolo accademico richiesto entro il termine stabilito per ciascuna sessione dai Rettori delle singole Università in relazione alle date fissate per le sedute di laurea.

I candidati agli esami di Stato devono presentare la domanda di ammissione alla prima sessione non oltre il 23 maggio 2016 e alla seconda sessione non oltre il 19 ottobre 2016 presso la segreteria dell'Università o istituto di istruzione universitaria presso cui intendono sostenere gli esami.

I candidati all'esame di abilitazione all'esercizio di una professione per cui il decreto del Presidente della Repubblica 328/2001 prevede la ripartizione in settori nell'ambito delle sezioni devono indicare, per ciascuna sezione, il settore per il quale chiedono di partecipare agli esami in coerenza con lo specifico titolo accademico conseguito.
 

Camera dei Deputati

Attività dell'Assemblea

29 febbraio-3 aprile

Giovedì 10 marzo nella parte antimeridiana della seduta la Camera ha approvato il disegno di legge: Delega al Governo recante disposizioni per l’efficienza del processo civile (C. 2953-A), con conseguente assorbimento dell’abbinata proposta di legge Colletti e altri (C. 2921). Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

Giovedì 31 marzo la Camera ha approvato i disegni di legge di ratifica ed esecuzione di accordi in materia ambientale sul Protocollo di Kyoto, in materia di prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi e sulla valutazione dell'impatto ambientale in un contesto transfrontaliero (C. 3512).

Attività delle Commissioni

29 febbraio-6 marzo

La I Commissione Affari costituzionali, in sede di Atti del Governo, ha iniziato l’esame dello Schema di decreto legislativo recante revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190, e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 (Atto n. 267) ( Rel. Ascani, PD). 

La XII Commissione Affari sociali ha proseguito l’esame in sede referente degli emendamenti al testo unificato delle proposte di legge recanti Norme per la limitazione degli sprechi, l'uso consapevole delle risorse e la sostenibilità ambientale (C. 3057 Gadda e abb. - rel. Gadda, PD).

 

7-13 marzo

La I Commissione Affari costituzionali, in sede di atti del Governo, ha proseguito l’esame dello Schema di decreto legislativo recante revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190, e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 (Atto n. 267) (Rel. Ascani, PD).

La II Commissione Giustizia ha deliberato lo svolgimento di un’indagine conoscitiva in relazione all’esame della proposta di legge C. 1994, approvata dal Senato, recante disposizioni in materia di criteri di priorità per l'esecuzione di procedure di demolizione di manufatti abusivi.

La V Commissione Bilancio, in sede consultiva, ha iniziato l’esame, rinviandone il seguito ad altra seduta, per il parere alle Commissioni riunite VIII Ambiente e XIII Agricoltura;  Norme per la limitazione degli sprechi, l’uso consapevole delle risorse e la sostenibilità ambientale (testo unificato C. 3057 e abb. – Rel. Marchetti, PD), per il parere alla XII Commissione Affari sociali.

Le Commissioni riunite VIII Ambiente e XIII Agricoltura hanno proseguito l’esame del nuovo testo C. 2039 Governo e abb. recante Contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato ( rel. per la VIII Commissione Braga - PD, rel. per la XIII Commissione: Fiorio - PD).

 

14-20 marzo

Alla II Commissione Giustizia, nell’ambito dell’indagine conoscitiva in merito all’esame della proposta di legge C. 1994, approvata dal Senato, recante disposizioni in materia di criteri di priorità per l'esecuzione di procedure di demolizione di manufatti abusivi, hanno avuto luogo le audizioni di Franco Ionta e Alberto Liguori, sostituti procuratori della Repubblica presso il Tribunale di Roma e di rappresentanti di Legambiente nazionale.

Le Commissioni riunite VIII Ambiente e XIII Agricoltura, in sede referente, hanno proseguito l’esame del nuovo testo delle proposte di legge C. 2039 Governo e abb. in materia di Contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato (rel. per l’VIII Commissione Braga, PD; rel. per la XIII Commissione Fiorio, PD).

Le Commissioni congiunte VIII Ambiente della Camera e VIII Lavori pubblici del Senato, nell’ambito dello schema di decreto legislativo recante disposizioni per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (Atto n. 283), hanno svolto l’audizione del Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone.

La XIV Commissione Politiche dell’Unione europea, nell’ambito dell’esame del disegno di legge C. 3540 Governo, recante Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2015, la Commissione ha svolto audizioni informali di rappresentanti delle imprese di intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore, in particolare delle società: Artisti 7607 società cooperativa, Associazione Audiocoop, Associazione dei fonografici italiani–A.F.I, Evolution S.r.l., Itsright S.r.l., Nuovo IMAIE e SCF Consorzio fonografici.

 

21-27 marzo

La VII Commissione Cultura  ha proseguito l’esame della proposta di legge recante Agevolazioni in favore delle start-up culturali nonché modifiche al testo unico di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di raccolta di capitali tra il pubblico per la valorizzazione e la tutela dei beni culturali (C. 2950 Ascani – rel. Manzi, PD).

La VIII Commissione Ambiente, in sede di atti del Governo, ha proseguito l’esame dello schema di decreto legislativo recante disposizioni per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture  atto 283 rell. Mariani, PD e Cera, AP) e ha proseguito l’esame dello schema di decreto del Presidente della Repubblica recante Disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo atto n. 279 (rel. Carrescia, PD). In sede consultiva per il parere alla VIII Commissione Ambiente, le Commissioni II Giustizia, III Affari esteri, IV Difesa, X Attività produttive, XI Lavoro, XII Affari sociali, XIII Agricoltura, XIV Politiche Ue si sono espresse in senso favorevole sul nuovo testo del provvedimento recante Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico, nonché delega al Governo per l’adozione di tributi destinati al suo finanziamento (C. 2212 Daga).

La XIV Commissione Politiche dell’Unione europea, in sede referente, ha proseguito l’esame del disegno di legge C. 3540 Governo, recante Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2015, su cui è relatore il presidente Michele Bordo (PD).

 

28 marzo-3 aprile

La II Commissione Giustizia, nell’ambito dell’indagine conoscitiva in merito all’esame della proposta di legge C. 1994, approvata dal Senato, recante disposizioni in materia di criteri di priorità per l'esecuzione di procedure di demolizione di manufatti abusivi, ha svolto audizioni.

La V Commissione Bilancio ha svolto l’esame dello schema di decreto legislativo recante disposizioni per l’attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (Atto n. 283 – rel. Cenni, PD), rinviandone il seguito ad altra seduta. In sede di deliberazione di rilievi su atti del Governo, ai fini dell’espressione di rilievi alla VIII Commissione Ambiente, ha esaminato lo schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente regolamento recante disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce di scavo (Atto n. 279 – rel. Cenni, PD), rendendo una valutazione favorevole.

La VII Commissione Cultura ha svolto l’interrogazione n. 5-07408 Naccarato: Sui progetti di riqualificazione e di messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali.

La VIII Commissione Ambiente ha svolto il Comitato dei nove sulla proposta di legge C. 2212-A Mariani recante Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque (rel. Manfredi, PD). In sede di atti del Governo, ha proseguito l’esame dello schema di decreto del Presidente della Repubblica recante Disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo (atto n. 279 - rel. Carrescia, PD); ha proseguito l’esame dello Schema di decreto legislativo recante disposizioni per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (atto 283 - rell. Mariani, PD e Cera, AP). In sede consultiva, per il parere alla XIV Commissione Politiche dell’Unione europea, ha iniziato l’esame degli emendamenti al disegno di legge C. 3540 Governo recante Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea - Legge di delegazione europea 2015 (rel. Mazzoli, PD).

La XI Commissione Lavoro, in sede di Atti del Governo, ha deliberato di riferire favorevolmente alla VIII Commissione Ambiente sullo Schema di decreto legislativo recante disposizioni per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (Atto n. 283 – Rel. Giacobbe, PD).

La XII Commissione Affari sociali, in sede di deliberazione di rilievi su Atti del Governo alla VIII Commissione Ambiente, ha iniziato l’esame dello schema di decreto legislativo recante disposizioni per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (Atto n. 283 – rel. Miotto, PD).

La XIV Commissione Politiche dell’Unione europea ha proseguito l’esame del disegno di legge recante Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2015 (C. 3540 Governo – rel. Michele Bordo, PD). Sul provvedimento hanno espresso parere favorevole sugli emendamenti le Commissioni II Giustizia, XIII Agricoltura.
 

Senato

Attività dell'Assemblea

29 febbraio-3 aprile

Nessun tipo di attività da rilevare di interesse per gli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori
 

Attività delle Commissioni

29 febbraio-6 marzo

Martedì 1°, mercoledì 2 e giovedì 3 marzo la Commissione X Industria ha proseguito l'esame del disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.S. 2085, già approvato dalla Camera dei deputati).

Mercoledì 2 marzo la Commissione XIII Ambiente ha avviato l'esame congiunto dei disegni di legge nn. 2151 e 2152, e del Doc. XXII, n. 5, recanti istituzione di una Commissione di inchiesta sulla ricostruzione della città de L'Aquila. Ha riferito sui provvedimenti il sen. Vaccari. Nella seduta del 2 marzo la Commissione ha proseguito l'esame sia del ddl n. 1458 sulle agenzie ambientali (già approvato dalla Camera), sia del ddl n. 198 e connessi in materia di salvaguardia della laguna di Venezia. Le nuove disposizioni in materia di aree protette, proposte dagli A.S. 119 e connessi, sono state ancora esaminate nella seduta del 3 marzo.

Mercoledì 2 marzo la Commissione XIV Politiche Ue ha proseguito l'esame del disegno di legge europea 2015 (A.S. n. 2228), fissando il termine per la presentazione degli emendamenti alle ore 9 di mercoledì 9 marzo.

 

7-13 marzo

Martedì 8 e mercoledì 9 marzo la Commissione X Industria ha proseguito l'esame del disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.S. 2085, già approvato dalla Camera dei deputati).

Mercoledì 9 e giovedì 10 marzo la Commissione XIV Politiche Ue ha proseguito l'esame del disegno di legge europea 2015 (A.S. n. 2228).

 

14-20 marzo

Tutta la settimana della Commissione X Industria è stata impegnata dal seguito dell'esame del disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza (ddl n. 2085), già approvato dalla Camera dei deputati.

La Commissione XIII Ambiente, in Ufficio di Presidenza, martedì 15 marzo, ha audito i rappresentanti dell'Associazione nazionale costruttori edili (Ance), della Rete delle professioni tecniche, della Conferenza delle regioni e delle province autonome e della Società Autostrade per l'Italia, in relazione all'A.G. n. 279, riguardante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo.

Martedì 15 e mercoledì 16 marzo, la Commissione XIV Ue ha proseguito l'esame del disegno di legge europea 2015 (ddl n. 2228).

 

21-27 marzo

La Commissione X Industria nelle sedute del 22 e 23 marzo ha proseguito la trattazione della legge annuale per il mercato e la concorrenza, già approvata dalla Camera dei deputati (ddl n. 2085).
La Commissione XIII Ambiente, in sede di Ufficio di Presidenza, martedì 22 marzo ha svolto le audizioni di Federbeton, Coou, Coripet, Comieco e Assocarta, sui contenuti delle proposte di direttiva che modificano talune direttive in materia di rifiuti (pacchetto economia circolare). Nell'ambito dell'esame dell'A.G. n. 279, recante disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo, ha svolto le audizioni di rappresentanti di Ispra e Confartigianato il 22 marzo e di rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana e Confindustria mercoledì 23 marzo.

Il disegno di legge europea 2015 (A.S. 2228) è stato ancora discusso in Commissione XIV Politiche Ue (seduta del 23 marzo).

 

28 marzo-3 aprile

Le Commissioni I Affari Costituzionali congiunte di Senato e Camera, in Ufficio di Presidenza giovedì 31 marzo, hanno svolto l'audizione del Presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, in relazione all'Atto del Governo n. 267, riguardante la revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza.

Nell'ambito dell'esame dell'Atto del Governo n. 283, sui contratti di concessione sugli appalti pubblici, le Commissioni Lavori Pubblici di Senato e Camera, in seduta congiunta mercoledì 30 marzo, hanno ascoltato le comunicazioni del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio.

La Commissione X Industria, mercoledì 30 e giovedì 31 marzo, ha proseguito l'esame del disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza, già approvato dalla Camera dei deputati (A.S. 2085).

La Commissione XIII Ambiente ha audito il Prefetto de L'Aquila, Francesco Alecci, relativamente ai disegni di legge nn. 2151 e 2152 e al Doc. XXII, n. 5, inerenti l'istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sulla ricostruzione della città de L'Aquila.

La Commissione XIV Politiche dell'UE, mercoledì 30 marzo, ha proseguito l'esame della Legge europea 2015 (ddl n. 2228).
 

Normativa pubblicata sulla GURI

29 febbraio-3 aprile

Autorità Nazionale Anticorruzione

Delibera 22 dicembre 2015 

(in G.U.R.I. 29 febbraio 2016 n. 49)

Entità e modalità di versamento del contributo a favore dell'Autorità nazionale anticorruzione, per l'anno 2016. (Delibera n. 163/2015).
 

Autorità Nazionale Anticorruzione

Delibera 10 febbraio 2016 

(in G.U.R.I. 7 marzo 2016 n. 55)

Modifica al Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell'Autorità mediante abrogazione espressa dell'Allegato 1 “Metodo di calcolo per l'applicazione delle sanzioni ex articolo 73 del decreto del Presidente della Repubblica n. 207/2010” e conseguente riformulazione dell'articolo 44 del citato Regolamento. (Delibera n. 115).
 

Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare

Decreto 22 febbraio 2016 

(in G.U.R.I. 11 marzo 2016 n. 59)

Riprogrammazione delle risorse del fondo Kyoto per l'efficientamento energetico degli edifici scolastici.
 

Decreto Legislativo 15 febbraio 2016, n. 38 

(in G.U.R.I. 14 marzo 2016 n. 61)

Disposizioni per conformare il diritto interno alla decisione quadro 2008/947/GAI del Consiglio, del 27 novembre 2008, relativa all'applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle sentenze e alle decisioni di sospensione condizionale in vista della sorveglianza delle misure di sospensione condizionale e delle sanzioni sostitutive.

 

 

Normativa comunitaria in corso di approvazione

22 febbraio-3 aprile

Piano di investimenti per l'Europa: nuovi orientamenti sull'uso complementare dei Fondi strutturali e di investimento europei e del FEIS

(22 febbraio 2016)

La Commissione europea presenta una revisione mirata delle norme sul distacco dei lavoratori che realizza l'impegno, indicato negli orientamenti politici della Commissione europea, di promuovere il principio della parità di retribuzione per lo stesso lavoro nello stesso posto.

(22 febbraio 2016)

La Commissione europea propone una modifica alle regole prudenziali comunitarie (modifica del Regolamento UE 2015/35) al fine di sostenere gli investimenti in progetti di infrastrutture.

(1 aprile 2016)
 

Normativa pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Ue

22 febbraio-3 aprile

Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema “Il ruolo degli ingegneri nella reindustrializzazione dell’Europa” (parere di iniziativa)

(in G.U.U.E. C 71 del 24 febbraio 2016)
 

Decisione di esecuzione (UE) 2016/335 della Commissione, del 7 marzo 2016, che concede deroghe al regolamento (UE) n. 691/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai conti economici ambientali europei per quanto riguarda la Spagna, la Francia, l'Italia e Cipro

(in G.U.U.E. L 62 del 9 marzo 2016)
 

Decisione (UE) 2016/344 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, relativa all'istituzione di una piattaforma europea per il rafforzamento della cooperazione volta a contrastare il lavoro non dichiarato 

(in G.U.U.E. L 65 dell’11 marzo 2016)
 

Convenzione relativa alla notificazione e alla comunicazione all'estero degli atti giudiziari ed extragiudiziali in materia civile o commerciale

 (in G.U.U.E. L 75 del 22 marzo 2016)