Continua la tendenza

Mercato pubblico dei bandi: anche a marzo crescono gli importi delle gare per servizi di architettura e di ingegneria e calano quelli dei bandi di opere pubbliche con progettazione

di Mercedes Tascedda / Cresme

box
box

Mercato pubblico bandi di servizi di architettura e ingegneria – Marzo 2016: +30% gli importi dei bandi per servizi di architettura e di ingegneria; -20% gli importi dei bandi di opere pubbliche con progettazione.

L’Osservatorio CNAPPC-Cresme Europa Servizi sui bandi di gara per servizi di architettura e di ingegneria quantifica il mercato nazionale nel mese di marzo 2016 in 524 bandi di gara del valore presunto (l'importo complessivo è ottenuto sommando agli importi posti a base di gara indicati nei bandi l'importo stimato dei bandi ‘senza importo’) di 41,1 milioni di euro. Rispetto allo stesso mese del 2015, l’importo aumenta del 30,4% a fronte di un numero di iniziative ridotto del 17,4%. Per i bandi di gara di opere pubbliche con progettazione invece si osserva un bilancio complessivamente negativo, con tassi di calo del 27,5% per numero e del 19,7% per importo, dovuto principalmente al rallentamento del ricorso all’appalto integrato (-41% il numero; -15% l’importo).

Nell’intero periodo gennaio-marzo 2016 i bandi per servizi di architettura e ingegneria censiti dall’Osservatorio sono stati 1.570, per un importo complessivo pari a 104 milioni di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2015 aumenta di circa il 17% il valore economico mentre il numero di opportunità si riduce del 6%. Sono stati 243 per un importo di circa 1,7 miliardi invece i bandi di opere pubbliche con progettazione. Anche in questo caso il bilancio rispetto a quanto mandato in gara un anno prima è a doppia velocità (+55,5% gli importi; -22% il numero di opportunità). Bilancio a doppia velocità anche per il resto del mercato delle opere pubbliche ma in questo caso cresce il numero di opportunità (+9%) e si riduce l’importo (-27%).
 

Servizi di architettura e ingegneria: in calo i piccoli e medi incarichi; in crescita i grandi incarichi di progettazione e per verifiche tecniche e collaudi

Nel terzo mese del 2016, rispetto allo stesso mese del 2015, come si è già evidenziato il mercato dei servizi di architettura e ingegneria registra un importo in crescita (da 31,5 milioni a 41,1) a fronte di un numero di opportunità in calo (da 634 bandi a 524). Rispetto al mese precedente, invece, il bilancio è complessivamente positivo: + 6% il numero (da 493 bandi a 524); +31% l’importo (da 31,4 a 41,1 milioni).

 

Classi di importo: nel mese di marzo 2016 il 90% dei bandi per il 24% degli importi in gara riguarda servizi di importo inferiore a 100mila euro; il restante 10% dei bandi e il 76% degli importi riguarda servizi di importo superiore. Rispetto allo stesso mese del 2015, si registrano dinamiche complessivamente negative per gli incarichi piccoli (-19% il numero; -23% l’importo) e medi (-20% il numero; -15% l’importo). Al contrario, il bilancio è complessivamente positivo per i grandi incarichi di importo superiore a 200 mila euro, trainati dai servizi di progettazione e per verifiche tecniche e collaudi. Il numero di opportunità cresce del 27%, da 26 gare a 33; l’importo dell’86%, da 15 milioni a 28.
 

Tipologie di incarico: terzo mese di calo consecutivo per piani e studi e per gli avvisi per la formazione di elenchi di professionisti per l'affidamento di incarichi tecnici; in calo anche i servizi catastali e topografici; bilancio a doppia velocità per servizi di progettazione, verifiche e collaudi e “altri servizi di consulenza tecnica”.
 

Mercato opere pubbliche con progettazione: ancora in calo gli appalti integrati

A marzo 2016 il mercato delle opere pubbliche con progettazione registra un bilancio complessivamente negativo, con tassi di calo del 27% per numero di opportunità e del 20% per importo. Complessivamente i bandi di gara con progettazione sono stati 87 per un importo di 443 milioni. Un anno prima erano 120 i bandi e il loro importo ammontava a 551 milioni. Battuta d’arresto anche per il resto del mercato, ovvero i bandi “senza progettazione”, con tassi di calo del 10,5% per numero di gare e del 60% per importo.

 

Tipologie contrattuali: per quanto riguarda le tipologie contrattuali il dato più indicativo del mese è ancora il calo degli appalti integrati: 53 gare per 310 milioni di importo contro 156 gare e 674 milioni di marzo 2015. Trend a doppia velocità per le concessioni di lavori, con un numero di opportunità aumentato del 7% e l’importo in calo del 32%. Prosegue la fase espansiva delle concessioni di servizi con promotore trainata dai bandi per l’affidamento del servizio di illuminazione pubblica con interventi di efficientamento energetico.